La Chirurgia Ambulatoriale

Per chirurgia ambulatoriale si intende la possibilità clinica e organizzativa di effettuare interventi chirurgici, o anche procedure diagnostiche e/o terapeutiche invasive o semi-invasive, in anestesia locale senza ricovero, consentendo al paziente immediata autonomia motoria e piena vigilanza entro le due ore successive alla conclusione dell’intervento, senza sottoporsi ad anestesia generale o epidurale.

I pazienti usufruiscono in tal modo di una prestazione chirurgica in condizioni di assoluta sicurezza in quanto eseguita in ambiente chirurgico specialistico e con la presenza dell’anestesista. La chirurgia ha ormai ampliato notevolmente il numero degli interventi eseguibili in anestesia locale, che possono essere effettuati in regime di chirurgia ambulatoriale. Moltissimi interventi finora eseguiti in attività di ricovero sono stati trasferiti in regime ambulatoriale garantendo la massimo sicurezza, facilitando il percorso chirurgico, evitando il pernottamento in ospedale, e riducendo notevolmente la lista di attesa per i pazienti.

La Chirurgia Ambulatoriale comprende:

  • la visita di valutazione chirurgica
  • l’eventuale effettuazione di esami preoperatori
  • l’effettuazione dell’intervento
  • il controllo post operatorio

Gli interventi di Chirurgia Generale più eseguiti in regime ambulatoriale sono:

  • Asportazione lesioni cutanee (nei, cisti sebacee, cisti del cuoio capelluto, basaliomi ecc.)
  • Ernia inguinale
  • Ernia ombelicale
  • Sinus o cisti pilonidale (fistola sacrococcigea)
  • Fimosi
  • Onicocriptosi (unghia incarnita)

Tale attività eseguita senza il ricorso all’anestesia generale permette il trattamento in sicurezza anche dei pazienti affetti da patologie sistemiche (ipertensione arteriosa, diabete mellito ecc.), evitando farmaci per l’anestesia generale, e permettendo un’immediata ripresa delle normali attività.

I vantaggi di questo di questo tipo di regime assistenziale sono:

  • Ripresa immediata delle proprie attività pratiche
  • Riduzione dello stress legato al ricovero ordinario
  • Riduzione della lista di attesa
  • Riduzione delle infezioni ospedaliere